Minoxidil al 2% e 5%: i risultati, gli effetti collaterali e il suo prezzo

Minoxidil: una breve introduzione

Minoxidil è un principio attivo nato come farmaco per combattere l’ipertensione arteriosa, solo successivamente le persone che ne facevano uso per l’ipertensione, hanno notato una crescita rapida della barba e dei capelli. Di conseguenza, è stato introdotto, sotto forma di lozione, come farmaco per la cura della calvizie e per la crescita della barba.
Il farmaco, ormai da anni sul mercato dei prodotti anticalvizie, ha dato risultati molto soddisfacenti se utilizzato costantemente per un determinato periodo di tempo. La sua efficacia è dimostrata dall’alto numero di persone che continuano a farne uso e che ne sono ampiamente soddisfatte, in quanto hanno notato una drastica riduzione nella perdita dei capelli e una ricrescita più rapida. L’importante è assumere il farmaco sempre dietro consiglio del medico, onde evitare spiacevoli conseguenze.

Minoxidil al 2% e 5%: le differenze

Minoxidil viene commercializzato in concentrazioni al 2% o al 5% entrambe efficaci contro la calvizie. Da alcuni studi effettuati negli Stati Uniti, è emerso che la formulazione al 5% ha un’efficacia superiore rispetto a quella al 2% per la velocità di crescita dei capelli, ma ha anche degli effetti collaterali come prurito e irritazioni cutanee localizzate. Tuttavia, il prodotto è risultato ben tollerato a livello sistemico, non presentando problematiche rilevanti. Attualmente, in caso di alopecia androgenetica, sia maschile che femminile, si consiglia di usare Minoxidil al 2% in una fase iniziale, mentre la concentrazione al 5% è adatta ai casi più manifesti.
Esistono anche formulazioni con percentuali maggiori di Minoxidil, che arrivano fino al 15%, che non sono approvate da FDA (Food and Drug Administration) e hanno anche effetti collaterali di una certa rilevanza.

Minoxidil funziona davvero contro l’impotenza?

L’impiego di Minoxidil per la cura dell’alopecia androgenetica può determinare alcuni effetti collaterali quali dermatiti da contatto o irritazioni cutanee a livello locale. Inoltre, sono state segnalate delle problematiche a livello di disfunzione erettile, con diminuzione della libido e altre patologie relative alla sfera sessuale. Tuttavia, è stato rilevato che spesso questi effetti collaterali si sono registrati a carico di soggetti già predisposti a tali problematiche. Nei rari casi in cui si verifica un calo della libido causato dall’assunzione di Minoxidil, si è riscontrato che il disturbo scompare quando il trattamento viene interrotto e non esistono prove scientifiche di una correlazione tra l’assunzione di Minoxidil e le disfunzioni erettili.

Le controindicazioni e gli effetti collaterali

Minoxidil come tutti i farmaci presenta anche delle controindicazioni e degli effetti collaterali. Per quanto riguarda le controindicazioni, è sconsigliato l’uso sia di shampoo che di lozioni alle donne in gravidanza e a tutte le persone che sono allergiche a tale principio attivo. Tali persone dovranno orientarsi su altri prodotti in commercio che sono validi alleati nella cura della calvizie. Minoxidil è controindicato anche a chi soffre di cattiva circolazione del sangue. Per quanto riguarda gli effetti collaterali, in caso di eccessiva assunzione si possono manifestare mal di testa, palpitazioni, eritemi e senso di vertigine. Invece, in caso di dosaggi nella norma, è possibile riscontrare delle dermatiti seborroiche, prurito e irritazioni cutanee. Come già scritto nel precedente paragrafo, non vi sono prove certe sulla correlazione tra l’assunzione di Minoxidil e l’impotenza, ma dato che si tratta di un farmaco vasodilatatore, potrebbe provocare qualche disturbo erettile. In ogni caso, si raccomanda di consultare il proprio medico per approfondimenti su eventuale presenza di effetti collaterali di qualsiasi genere.

Quali risultati garantisce?

Minoxidil è un farmaco che, se assunto per un periodo di tempo prolungato e in maniera costante, garantisce una certa soddisfazione, con evidente ricrescita dei capelli nelle aree diradate. Il prodotto è commercializzato sotto forma di shampoo e di lozioni per uso topico. Inizialmente, si deve applicare per due volte al giorno, in maniera costante, anche quando la caduta dei capelli si è arrestata. Generalmente, la caduta si arresta dopo un periodo di diverse settimane, ma a volte occorrono anche dei mesi. Il prodotto deve essere applicato nelle zone dove i capelli sono diradati, con un delicato massaggio per favorirne l’assorbimento cutaneo. Si consiglia di utilizzare dei guanti di lattice per eseguire il massaggio, onde evitare che, nel tempo, si verifichi una crescita di peli indesiderata sulle mani.
Si raccomanda di non applicare mai Minoxidil su tagli, ferite e su zone dove siano presenti arrossamenti e dermatiti.
In definitiva, si può affermare che Minoxidil è un valido alleato per la cura dell’alopecia androgenetica sia maschile che femminile, sempre che sia usato nelle giuste dosi e in maniera costante per un determinato periodo di tempo. Tuttavia, trattandosi di un farmaco, per qualsiasi dubbio è opportuno consultare il proprio medico prima di utilizzarlo, onde evitare spiacevoli conseguenze.

Lascia un commento